DISPENSARIO PRINCIPALE

Cerbios Farmaceutica

Cancelleria dello Stato Cantone Ticino

Municipio di Bioggio

Fondazione Vidar Suisse

Fondazione privata

Donatore privato

Rotary Club Lugano

Unilabs

Fondazione per il Cuore, Lucerna

Swiss Society of Hypertension (SSH)

Grazie di cuore ai sostenitori dei nostri progetti "salute":

Great Nyamyumba: Salute

 

Il dispensario medico che dipende dall'Ospedale di zona di Munini e dal Ministero della Sanità è gestito da infermieri e assistenti.

Serve 14'925 persone dell’area circostante. 

 

Il direttore dell’ospedale di Munini Dr. Innocent Ndenbeyaho, prezioso sostenitore e supervisore, ci visita settimanalmente.

Le costruzioni dei recenti studi (dentistico, epilessia, ipertensione) sono state realizzate da Mabawa, che fornisce quando necessario medicinali e piccolo materiale sanitario: autoclave, microscopio elettronico, ecografo, EEGigrafo, vari tensiometri, ecc..

Seleziona una sezione per leggere i dettagli

STUDIO DENTISTICO

EPILESSIA

MATERNITÀ

IPERTENSIONE

 

Studio dentistico

 

Dopo il soggiorno di un medico dentista, membro di Mabawa, è emersa la necessità di costruire uno studio dentistico: infatti dalle statistiche risultava che il 54% delle patologie che si presentavano al dispensario erano di origine odontoiatrica e che nella zona non esisteva una struttura idonea per le cure.

 

La costruzione è iniziata nel gennaio 2012 ed è terminata nell’aprile 2012. Nella struttura si alternano dentisti europei e un dentista dell’Università di Medicina di Butare presente in loco uno o due giorni alla settimana, a seconda del bisogno.

La costruzione del nuovo studio dentistico è terminata ed è stata installata la nuova poltrona odontoiatrica.

Lo studio iniziale, per altro troppo grande, viene così dedicato a locale multiuso per le grandi consultazioni del progetto ipertensione e del progetto epilessia, entrambi attivi.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
 

Progetto epilessia

 

Angela Casadei, tecnica di Neurofisiopatologia presso l’Ospedale Civico di Lugano,

ha collaborato con Mabawa dal 2014 al 2017.

Grazie alle competenze acquisite seguendo un primo progetto sostenuto da MABAWA,

presso l’ospedale di Mibilizi, dove è stata messa a contatto con la realtà Rwandese,

ha accettato di concentrare le sue forze anche a Nyamyumba in questo campo a lei famigliare.

Ha così preso vita nel 2015 al dispensario di Nyamyumba (che serve 14’925 persone)

il nuovo progetto “Epilessia”, iniziato con un EEGigrafo e il relativo software. 

Telesphore Vuguzigame, già responsabile delle cure neurologiche nell’ospedale di riferimento

del nostro Distretto (Munini) è stato messo a disposizione del progetto e formato da Angela

durante vari soggiorni: oggi è molto competente. Segue regolarmente seminari di formazione

per migliorare la sua formazione e dal inizio 2018 inizierà un percorso per ottenere il

Master in Neuro-physiology.

 

Dal 2014 il Professor Sebera, neurologo all’ospedale Ndera di Kigali è il nostro “tutor” e segue con molto interesse e passione il progetto. Viene mensilmente 2 giorni a Nyamyumba per monitorare il lavoro in genere ed in particolare i casi più complessi.

 

In Rwanda si stima che il 4.9% della popolazione soffra di epilessia, il che rende il progetto particolarmente necessario.

A luglio 2017 Telesphore riportava una casistica di 187 pazienti presentatisi alla clinica, 163 dei quali epilettici... e le cifre sono in continuo aumento.

 

Un locale per la diagnosi e cura dell’epilessia (foto in basso), estensione della struttura del gabinetto dentistico, è stato costruito ed è in uso da maggio 2017, agevolando notevolmente il lavoro che prima veniva svolto nell’anticamera del dentista!

 

Il progetto è costantemente in sviluppo e sono allo studio molti miglioramenti. Telesphore ha chiesto e ottenuto una borsa di studio per ottenere un master in tecnologia neurologica e segue regolarmente seminari di formazione.

 

 

La cooperativa Girokwizera, formata da 47 epilettici indigenti pazienti del nostro dispensario medico, ha chiesto e ottenuto un aiuto da Mabawa per poter pagare l’accesso alla “mutuelle de santé”, indispensabile per accedere alle cure.

 

Oltre all’aiuto finanziario ai membri e alle loro famiglie, sono state distribuite 29 capre ai più poveri per incoraggiarli.

Per chi si chiede come mai vi sono così tanti casi di epilessia, vi proponiamo la lettura di questo articolo sulla neurocisticercosi. Da recenti statistiche sembra che oltre il 40% dei casi in Rwanda siano legati a questo problema e Mabawa tiene la comunità sempre messa in guardia contro l'allevamento libero dei maiali, che possono portare la Tenia solium e le sue uova.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
Sostegno a Mibilizi
 

Neo-natalità e ginecologia

In uso dal 2011 e poi ingrandita, oggi prende in cura tutte le donne e le mamme. Da febbraio 2018 vi è in uso un ecografo che permette alle donne incinte di fare i controlli sul posto e non dover percorrere un'ora (all'andata e una al ritorno) in moto sulla pista sterrata per recarsi all'Ospedale di Munini, dove fino ad oggi vi era l'unico ecografo della zona.

 
Logo Mabawa Cuore

Progetto "Mabawa Cuore"

Diagnosi e cura per l'ipertensione e

i rischi cardiovascolari

...UNA STORIA SINGOLARE DIVENTA UN'AVVENTURA STRAORDINARIA

Di ritorno da Nyamyumba Katrine Keller va dal suo medico, il Dott. Franco Muggli, per il solito controllo che le chiede come va in Africa. La risposta interessa molto il dottore, specialista di ipertensione: quasi tutte le morti tra gli abitanti di Nyamyumba avvengono nel sonno.

 

Incuriosito, il dottor Muggli parte per Nyamyumba... e si innamora del progetto: quello di Mabawa in generale e di quelli riguardanti salute in particolare.

Nasce così un sodalizio con Mabawa e l'inizio dell'avventura straordinaria.

Kat e Franco.jpg

IPERTENSIONE IN AFRICA

L’ipertensione è il principale fattore di rischio per le malattie cardiovascolari.

A causa della  mancanza di sintomi clinici, l’ipertensione rimane non diagnosticata e trattata con ritardo.

L’aumento della percentuale di ipertensione in Africa è stato attribuito a una combinazione di fattori che includono l’invecchiamento della popolazione, così come i fattori derivanti dalla rapida urbanizzazione (ambiente edificato, dieta, stili di vita sedentari, esposizione al tabacco, bevande analcoliche e alcolici).

Le conseguenze sono più devastanti tra gli africani e includono: insufficienza cardiaca anche grave, malattie renali croniche e cerebrovascolari e morte improvvisa.

IMG_3459.JPG

LA PRIMA FASE

Logo SSH ok.jpg
WHL logo ok.jpg

La necessità di un intervento sanitario per diagnosticare e trattare i fattori di rischio cardiovascolare si evidenzia nel 2017, dopo il soggiorno del Dottor Franco Muggli.

Si decide di effettuare uno screening su un campione di circa 800 persone al dispensario di Nyamyumba e all’ospedale di Munini.

Il risultato confermerà l’ipotesi che anche in una regione rurale e povera, l’ipertensione arteriosa è presente in una grossa percentuale degli utenti.

 

Nel 2018 è formulata e presentata alle autorità una proposta per un “Progetto Capitale di Salute” che prevede un intervento mirato nei due dispensari e che vuole essere un modello di consulenza medica preventiva:

  - consultazione clinica funzionale e di facile accesso, in modo che la popolazione possa essere informata dei fattori di rischio

  - possibilità di trasferire il modello in altri ospedali e centri sanitari del paese

 

Il progetto riceve “l’endorsement” della World Hypertension League (WHL)

e della Swiss Society of Hypertension (SSH): un riconoscimento del programma

che dà visibilità per finanziamenti e incrementa l'interesse delle autorità rwandesi.

In attesa della visita
In attesa della visita
press to zoom
Una visita
Una visita
press to zoom
Primo incontro con il ministro, Febbraio 2018
Primo incontro con il ministro, Febbraio 2018

Primo incontro con il ministro, Febbraio 2018

press to zoom

A Nyamyumba e a Munini nell'estate 2019 il Dott. Muggli lavora con due infermiere Ticinesi Barblina de Tann e Patrizia Venzin dapprima e con il professor Paolo Sutter poco dopo.

Nell'ottobre 2019 grandissima soddisfazione per Mabawa: il progetto ottiene l'approvazione del Comitato Etico del Ministero della Salute Pubblica Rwandese. Il dottor F. Muggli, ideatore e realizzatore del progetto "Mabawa Cuore", partecipa a molti incontri con le autorità, che convinte anch'esse della validità del progetto promettono il loro sostegno.

 

L'Ospedale del Distretto di Munini, da cui dipende il Dispensario Medico di Nyamyumba diventa il centro di riferimento del progetto.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
cc1510f2-fda0-4595-a9e1-1063437238ef.jpe
062ce469-13e9-4b5c-9093-16bb08123e46.jpe
e5e69065-bf9a-48d4-9d7d-98c3eec8e805.jpe

A Nyamyumba il dottor Muggli organizza e forma una rete di 25 "volontari della salute" che, attraverso uno screening "porta a porta" nei villaggi dell'area del dispensario di Nyamyumba (c.a 15'000 persone) raccoglieranno i dati.

Alice Umulisa, valida operatrice di sanità pubblica diventa la nostra collaboratrice in loco. Grazie al prezioso lavoro da lei svolto insieme agli animatori sanitari nell’area del Dispensario medico di Nyamyumba, da febbraio a luglio 2020, vengono registrati i valori della pressione arteriosa di oltre settemila abitanti.


Questi serviranno per procedere alla seconda fase, che si svolgerà sotto l’egida della Lega Mondiale dell’Ipertensione e della Società Svizzera dell’Ipertensione, in stretta collaborazione con la Facoltà di Scienze Biomediche della Università della Svizzera Italiana, delle Facoltà di Medicina della Università di Zurigo e di Milano.

Formazione ai "volontaires de santé"
Formazione ai "volontaires de santé"
press to zoom
Formazione ai "volontaires de santé"
Formazione ai "volontaires de santé"
press to zoom
Formazione ai "volontaires de santé"
Formazione ai "volontaires de santé"
press to zoom
"Volontaires de santé" sul campo
"Volontaires de santé" sul campo
press to zoom
"Volontaires de santé" sul campo
"Volontaires de santé" sul campo
press to zoom
"Volontaires de santé" sul campo
"Volontaires de santé" sul campo
press to zoom

A Febbraio 2020 il progetto, viene accettato e presentato dal Dott. Muggli al 19°Congresso Europeo di Medicina Interna (ECIM)

Schermata 2021-01-08 alle 13.35.48.png

Riepilogo e analisi

degli screening

Pdf delle slide

del Dottor Muggli

IL TEAM

Il Team di Mabawa Cuore

Muggli.jpg

Dott. Franco Muggli

Ideatore e responsabile

Mabawa Cuore

Parati.jpg

Prof. G.F. Parati

Presidente della Lega Mondiale per l'Ipertensione

Bianchetti.jpg

Prof. Mario Bianchetti

Decano Facoltà di Scienze Biomediche - USI Lugano

Suter.jpg

Prof. Paolo Suter

Prof. Università di Zurigo

Umulisa.JPG

Nurse Alice Umulisa

Responsabile e collaboratrice

a Nyamyumba

INCONTRI IMPORTANTI

A Kigali Mabawa cuore ha incontrato personaggi importanti della salute in Rwanda, tra cui:

 

  • la Dottoressa Charlotte Bavuma dell’Ospedale Universitario di Kigali

  • il Segretario esecutivo delle risorse umane per la salute Patrick Ndimubanzi

  • i Direttori e la nuova Direttrice dell’Ospedale di Munini

  • il Ministro della sanità Daniel Ngamije

  • il Consigliere alla Presidenza per la salute Dott. Santus Musafiri

  • il Direttore dell’Ospedale Universitario di Kigali

 

Ci hanno accolti tutti molto calorosamente, con grande interesse per quello che Mabawa sta portando avanti nel settore e il nostro feedback è molto positivo.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom

LA FASE II

Ad inizio 2022, dopo una pausa "forzata" dovuta alla pandemia di Covid-19 (che riguardava la parte pratica e non quella di pianificazione), il progetto Cuore ha potuto riprendere le sue attività a pieno ritmo.

Durante l'estate 2022 ci sono state molte visite: con il ritorno di Barblina de Tann e Patrizia Venzin, il dott. Franco Muggli e il professor Gianfranco Parati sono stati in Rwanda per l'avvio della seconda fase del progetto, insieme alla neo-dottoressa Isabella Hunjan e alla dottoranda Clara Stroppa.

Il Dott. Muggli e il Prof. Parati hanno anche partecipato al "RCP HTA Symposium" per l'ipertensione e i rischi cardiovascolari che si è tenuto a Kigali in luglio.

 

Ora si tratta di approfondire il quadro clinico e prendere in carica i malati più a rischio identificati durante la prima fase del progetto.

DSC_0576.JPG
press to zoom
press to zoom
press to zoom